Due false partenze e veterani velocissimi nella prova di Sarno

Sarno – Ultimo atto prima delle finali di valle lunga per i Trofei Sud Malossi, che si è corso a Sarno l’11 luglio, diventando l’ultimo passaggio per la vittoria stagionale per chi è partito con il piede sbagliato e una conferma della propria supremazia per chi ha difeso a ogni gara la propria posizione in testa. In una giornata di calcoli e di posizioni forzate sono stati i veterani a togliersi molte soddisfazioni come il quarantasettenne Luciano Formisano che ha dominato il Trofeo ScooterMatic Sud e il più giovane Genny Barbato, che è andato a recuperare sua maestà Francesco Pellegrino rischiando di vincere gara 2. Tanta tensione fin dalla partenza pagata oggi dai numeri 58: nella ScooterMatic Italia La Lingua ha commesso lo stesso errore del 2009 nella stessa pista e finale, falsa partenza e 30 secondi di penalità. Per non essere da meno il suo omologo 58 del Trofeo ScooterMatic Sud è partito in anticipo beccandosi la stessa manciata di secondi.

A salire sul gradino alto del podio sono così stati Massimo Mendogho del team D&D che recupera qualcosa sul leader del Trofeo ScooterMatic Italia La Lingua; Luciano Formisano, strabiliante nel Trofeo ScooterMatic Sud in un Trofeo dominato ancora da Musella e Mastroberti mentre nella GP80 Francesco Pellegrino del Team Ni.Ba Racing con una doppia vittoria si riprende in extremis la leadership del Trofeo che era appartenuta fino ad ora ad Angelo Chianese, oggi caduto in gara 2.

ScooterMatic Italia
Max Mendogho del team D&D vince la quarta prova del Trofeo Sud grazie a una bellissima seconda manche dopo aver dato spettacolo in prova ma avere faticato a lungo nella prima manche. Il romano è primo oggi, ma chi festeggia più di tutti è Riccardo La Lingua, che domina gara 1 ma che commette un errore già visto a Sarno l’anno scorso, una falsa partenza che pesa ben 30 secondi sul tempo di arrivo. Non ostante questo, il cassinate festeggia la conquista del primo posto nel girone Sud, prima delle Finali Nazionali contro gli altri campioni Nord e Sicilia.

Nel primo turno Mendogho dà spettacolo e scende sotto il muro dell'1'01”. Gira forte anche Paduano che ferma il cronometro a 3 decimi dal romano, seguito da Melone e la Lingua a 4 decimi e separati fra loro di pochissimi millesimi. Ad aprire la seconda fila c'è Sambucci davanti al SuperScooter di Baldi. Giornata no per Del Mastro e Olivieri attanagliati da problemi tecnici.

Nel secondo turno e si fa vedere Paduano che strappa la pole a Mendogho in 1'00”4; il campione 2009 prova a replicare ma non trova il giro giusto. Vanno in progressione La Lingua e Melone con il cassinate che scavalca anche Mendogho ed è secondo; Melone chiude la prima fila. I quattro che si giocano il campionato sono tutti in prima fila. Bella prova di Del Mastro quinto con uno scooter che finalmente gira bene. Sambucci è sesto davanti a Picca.

Gara 1 ancora una volta è nel segno di La Lingua: il cassinate riesce a liberarsi della marcatura degli avversari e va a vincere con 3 secondi di margine. Dietro è gran bagarre: Paduano riesce ad avere la meglio su un coriaceo Melone solo nelle battute finali, mentre per Mendogho c'è solo il quarto posto, strappato con i denti negli ultimi metri nonostante un problema di trasmissione. Quinto è Sambucci su Del Mastro e Picca.

Gara 2 e stesso errore commesso a Sarno lo scorso anno: La Lingua parte in anticipo e si prende 30 secondi di penalità. Fuori gioco per la vittoria, il duello vede impegnati Melone, Paduano, Picca e Mendogho. Avanti nei primi giri c’è anche un combattivo Del Mastro che sbaglia chiudendo indietro. Gli ultimi giri sono da panico con i quattro davanti che si aprono a ventaglio. A farne le spese è Paduano che chiude la seconda manche in sesta posizione dopo essere arrivato lungo in staccata. Sul traguardo è primo Mendogho, vincitore di giornata davanti a Melone e Picca. Quarto è Baldi davanti a Sambucci, Paduano e Olivieri.

ScooterMatic Sud
Tra errori, false partenze e gare tiratissime la spunta uno dei più esperti del Trofeo Sud, il quarantasettenne Luciano Formisano del team Formisano Racing che in forma smagliante vince entrambe le gare dopo due turni di prova in cui ha rischiato pure di guadagnare la pole, ottenuta invece da Gargiulo. Questa vittoria del torrese mantiene apertissimo il campionato, ancora tutto da decidere per l'assegnazione del titolo che vede avanti Musella e Mastroberti staccati di non molti punti.

Il primo turno di crono è in mano a Formisano: il torrese va forte e non ha difficoltà a segnare il miglior tempo. Alle sue spalle girano vicinissimi, Mastroberti, Gargiulo e Telesca mentre Musella è attardato con lo Zip che non va. Nel secondo turno viene fuori Telesca: il potentino attacca con il SuperScooter Piaggio NRG e si porta in pole. La risposta del compagno di squadra Mastroberti non si fa attendere, lo scavalca e si mette al sicuro, almeno sembra, perché negli ultimi minuti Gargiulo trova il giro buono e passa in pole bruciando di 35 millesimi Mastroberti. Terzo è Telesca mentre Formisano salva la prima fila dagli attacchi di Di Sabato.

Formisano voleva la vittoria a Sarno e ci riesce in pieno: il quarantesettene di Torre del Greco parte fortissimo in gara 1 ed allunga senza problemi lasciando gli altri in bagarre. Dietro si alternano in tanti, a cominciare da Gargiulo, poi Mastroberti, Sciarrino in gran forma. Più in ombra Musella sempre afflitto da problemi meccanici. Gargiulo compie un errore e lascia la lotta per il podio a Mastroberti e Sciarrino, che arrivano in quest’ordine alla bandiera a scacchi davanti a Musella, D'Urso e di Sabato. Gargiulo è settimo.

Gara 2 e ancora show di Formisano. Al via Gargiulo (anche lui n. 58 come La Lingua) parte in anticipo e si becca 30 secondi. Formisano passa comunque in testa e prova ad allungare. Ancora gran bagarre per la seconda piazza fra 4 piloti, dopo la scivolata del generosissimo Telesca che ha provato ad andare ad impensierire il leader. Alla fine la spunta ancora Mastroberti che regola Musella D'Urso, Sciarrino e Di Sabato in una bellissima volata. Sotto la bandiera a scacchi passa comunque per primo Gargiulo ma la vittoria in gara 2 va ancora a Luciano Formisano.

GP80
Francesco Pellegrino del team Ni.Ba Racing si riporta in cima alla classifica generale del trofeo GP80 grazie alla doppia vittoria a Sarno e approfittando della caduta di Chianese in gara 2 che perde così la leadership conquistata fin dalla prima gara della stagione. Il salernitano sempre velocissimo è stato guardato a vista dal sempre sorprendente veterano Genny Barbato, oggi a un soffio dalla vittoria in gara 2 dopo un recupero strepitoso.

Nel primo turno di qualifica: Pellegrino gira velocissimo e segna subito la pole. Alle sue spalle si alternano Chianese e Bianculli che riescono a contenere i distacchi. Al termine delle crono arriva però la zampata di Barbato che si porta in terza posizione scavalcando il compagno di squadra e leader del trofeo Chianese.

Nella seconda qualifica Pellegrino migliora subito il tempo mentre dietro c'è una bella alternanza fra Bianculli e Chianese, ma è Barbato, ancora una volta, a sorprendere gli avversari e portarsi in seconda posizione alle spalle di Pellegrino. Intanto Pellegrino fa un giro impressionante e segna 1'02”6, la nuova pole. Ciampa è quinto davanti a Greco, Costabile è in crisi e chiude con un vantaggio esiguo su Sansanelli e Mastrosimone.

In gara 1 Pellegrino parte a palla come d'abitudine approfittando della bagarre alle sue spalle che vede Barbato, Chianese e Bianculli giocarsi il secondo posto. Il salernitano fa gara a se e l'unica soddisfazione è battere ogni giro il tempo segnato al passaggio precedente. Dietro si alternano Bianculli, Chianese e Barbato, ma nessuno è in grado di andare in fuga. Nell'ultimo giro Chianese d'orgoglio si riporta in seconda posizione superando Barbato e Bianculli che chiudono molto vicino fra di loro.

Anche in gara 2 parte forte Pellegrino ma questa volta Barbato non perde tempo e si mette alla ruota del salernitano. Al secondo giro Chianese prova ad avvicinarsi ma perde il controllo della sua Derbi e finisce a terra, seguito nella scivolata da Bianculli, troppo vicino per evitare l’avversario. Avanti martellano Pellegrino e Barbato. In terza posizione si porta Mastrosimone tallonato da Greco, Costabile e Sansanelli. Ciampa è costretto ancora a rallentare dopo una bella partenza. Pellegrino continua in testa ma Barbato cambia il ritmo di gara e, a suon di giri veloci si avvicina al salernitano. Alla fine Pellegrino vince per pochissimo sullo stupefacente veterano. Il duello per la terza piazza va a Costabile che precede Mastrosimone e Sansanelli di un'incollatura.

Il prossimo appuntamento con i Trofei Sud Malossi è per il 25 luglio a Vallelunga.

Nessun commento:

Posta un commento