Novità 2010: Yamaha rinnova l'X-MAX 125 e 250

Da quando, quattro anni fa, Yamaha lanciò l'X-MAX, ne sono stati venduti ben 50mila, solo in Italia. Ora Yamaha presenta la versione 2010: telaio più rigido, nuova carena, maggior capacità di carico, strumentazione ridisegnata sono le principali novità. Il nuovo telaio, resistente e leggero, incrementa la rigidità e migliora la resa dell'X-Max in curva. Al momento, si conosce il prezzo del 250: disponibile da fine novembre, costerà come la versione precedente, 4.690 euro franco concessionario.
I due nuovi X-MAX montano cerchi da 15 pollici all'anteriore e 14 al posteriore. La frenata è garantita da un freno a disco anteriore da 267 mm con pinza a due pistoncini e uno posteriore da 240 mm.


Altre novità sono la carena – completamente ridisegnata, offre un'immagine più dinamica e filante (il cupolino monoblocco libera spazio a favore del pannello strumenti e richiama lo stile del TMAX) – e la strumentazione, che ora ha un design ancor più automobilistico: i quadranti digitali e analogici sono retroilluminati in rosso e comprendono ora anche il contagiri.

Cresce anche il comfort per pilota e passeggero: la nuova collocazione delle pedane permette una posizione di guida più naturale e rilassante; e a motore spento (a proposito, qui nessuna novità: restano gli ottimi 4 tempi con raffreddamento a liquido), sotto la sella si possono riporre due caschi integrali.

Malaguti presenta il Phantom F12 R Ducati Australian GP

E’ in arrivo la nuova versione del Phantom, fedele riproduzione del modello della Ducati Motogp utilizzato nel Gran Premio di Australia 2009. Grafiche accattivanti rubate al mondo del racing e un design sportivo ed energico lo rendono aggressivo e giovane. Il Phantom F12 R 50 Ducati Special Edition Australian GP è disponibile nella versione Liquid Cooled. Prezzo al pubblico: 2.560 euro.

Le caratteristiche tecniche di questo modello restano quelle del Phantom F12. E’ dotato di cruscotto digitale multifunzione, ruote con cerchi diametro 13 e pneumatici tubeless extralarge (anteriore 130/60, posteriore 140/60).

Sull’anteriore monta un freno a disco a margherita di 190 mm di diametro con trasmissione idraulica che garantisce un maggior controllo di frenata anche in spazi ridotti e una ripresa sprint dopo ogni stop ai semafori e nel traffico. Lo scooter è equipaggiato anche con il freno a disco posteriore di diametro 190 mm. Il peso è di 96 kg, caratteristica che rende lo scooter particolarmente adatto per i ragazzi che cercano maneggevolezza e semplicità d’uso.

La gamma Phantom F12R Ducati si compone anche delle versioni GP e Superbike con la riconoscibile livrea Ducati rossa.

TORSEN WD

IL FORCELLONE POLINI TORSEN WD: SI ISPIRA ALLA MOTO GP MA SI MONTA SUGLI SCOOTER 50


Polini TORSEN WD è la nuovissima serie di forcelloni per tutti gli scooter che montano motore Piaggio e Minarelli 50 cc. Il forcellone TORSEN WD, caratterizzato dalla sua forma a capriata, irrigidisce il carter motore evitando flessioni anomale che, sui motori più performanti, possono portare alla rottura del carter motore.

Un cuscinetto di supporto esterno al perno ruota evita inoltre flessioni ed attriti anomali, migliorando il rendimento e le perfomance della trasmissione. Le caratteristiche di rigidità del forcellone Polini TORSEN WD, assicurano una maggiore stabilità di guida con un controllo ottimale dello scooter soprattutto in curva e, riducendo al tempo stesso l’usura asimmetrica del pneumatico.

La linea del TORSEN WD è chiaramente ispirata ai forcelloni delle Moto GP con il caratteristico disegno a boomerang. La marmitta rimane aderente al veicolo permettendo notevoli angoli di piega sulle curve delle piste senza però che lo scarico strisci sull’asfalto.


TORSEN WD è destinato sia alle gare in pista, sia al normale uso cittadino. Può essere montato esclusivamente se accoppiato alla nuova gamma di marmitte Polini da competizione Big Evolution o alle marmitte Polini Omologate per uso stradale For Race 2 e Scooter Team.

La gamma di forcelloni Polini TORSEN WD e le relative marmitte che ne permettono il montaggio, sono disponibili per i motori Piaggio sia a carter corto che lungo, per i motori Minarelli serie CW cilindro verticale, serie MY (aria) e serie MA (H2O) con cilindro orizzontale e carter lungo.

Seleziona le immagini per ingrandirle.








Seleziona l'immagine per ingrandirla

MANOPOLE POLINI e GRIP COPRILEVE EVOLUTION:

Lo styling è moderno e aggressivo nelle colorazioni bianco-blu ufficiali Polini.

Sviluppate con specifiche soluzioni tecniche di ergonomia finalizzate alla sicurezza di guida sono prodotte con elastomeri e tecnopolimeri selezionati di derivazione aerospaziale; da oggi sono ancora più racing grazie alle coprileve in una speciale mousse di spugna antiscivolo.

La superficie esterna è antiscivolo con due differenti basi d’appoggio: una più liscia specifica per il palmo, l'altra più adatta alle dita. Le due basi d’appoggio offrono così una migliore presa e garantiscono maggiore comfort di guida.

La flangia paramano con nervature a cedimento controllato impedisce alla mano di scivolare ed elimina le vibrazioni.

Novità - set vernici per scooter MALOSSI PADDOCK

Seleziona l'immagine per ingrandirla.


A seguito dell’ampio successo e dell’immagine degli scooter da competizione ufficiali Malossi e al fine di soddisfare le numerose richieste di come poter personalizzare il proprio scooter con i colori fluo della Malossi é stato realizzato un set per verniciare lo scooter come quello dei piloti ufficiali Malossi. Inoltre sono stati inseriti tutti gli adesivi che vanno a completare la configurazione da gara degli scooter.

Seleziona l'immagine per ingrandirla.


Novità - banco solleva moto MALOSSI PADDOCK

Seleziona l'immagine per ingrandirla

Nato per soddisfare le esigenze d’uso nei BOX sulle piste di gara, il banco sollevamento moto GP 24V è di facile uso perché completamente privo di cavi per il collegamento elettrico.

E’ facilmente trasportabile per la sua compattezza e leggerezza, solo 65 Kg.

Appositamente studiato per le competizioni, è caratterizzato da un motore autofrenante comandato a pedale elettrico a bassa tensione, definito “a uomo presente” (premuto alza/abbassa - lasciato si blocca), che permette di ottenere facilmente e rapidamente l’altezza ottimale del piano d’appoggio.

CARATTERISTICHE TECNICHE:
• STRUTTURA in ACCIAO con piano in ALLUMINIO
• DIMENSIONI d’ingombro con piano ABBASSATO: mt 2 x 0,60 x 0,23
• DIMENSIONI con piano alzato: raggiunge ALTEZZA MASSIMA di mt 0,78
• collaudato per il SOLLEVAMENTO di un veicolo del peso MASSIMO di 250 Kg
• rapporto tempo di SALITA: a VUOTO 26”, con CARICO di 100 Kg 28”
• riduzione PRIMARIA: ingranaggio/vite senza fine in ACCIAIO
• riduzione SECONDARIA: vite in ACCIAIO a ricircolo di sfere
• MOTORE ELETTRICO a bassa tensione 24V

ALIMENTAZIONE completa FACOLTATIVA:
• BATTERIA RICARICABILE: 24V - 7,2 Ah
INGOMBRO mm 130 x 150 x 95
AUTONOMIA 40 ore, RICARICA 12 ore
• CARICA BATTERIA:
entrata a corrente alternata 220V - frequenza 50 Hz
uscita a corrente continua 24V - 0,5 Ah
• NON E’ POSSIBILE USARE TENSIONE A 100V
L’ALIMENTAZIONE completa facoltativa NON E’ COPERTA DA GARANZIA.
 
Il BANCO sollevamento moto GP 24V E’ GARANTITO IN TUTTE LE SUE PARTI.

Novità - pneumatici da gara MALOSSI PADDOCK

Novità - tenda MALOSSI PADDOCK


La Tenda Malossi è concepita per una grande facilità di impiego in combinazione con una robusta e stabile struttura!

L’innovativa tecnica ad apertura rapida (si monta in meno di 1 minuto!) consente a chiunque di allestire in breve tempo una tenda singola oppure una serie di tende collegate tra loro: la modularità è studiata per poter ampliare facilmente la superficie coperta, accostando diverse tende a gruppi oppure in linea!

Caratteristiche tecniche

• struttura portante realizzata con profili anodizzati particolarmente resistenti (sostiene carichi fino a 120 kg, senza rischi di rottura)
• parti in movimento protette da un inserto in ABS che ne facilita lo scorrimento
• punti angolari della struttura a contatto diretto con il tetto provvisti di una speciale protezione in ABS che garantisce la massima protezione del tessuto
• tetto in tessuto di poliestere ignifugo dello spessore di 600 denari, trattato con materiale impermeabilizzate in teflon per lunga durata, stampato in quadricromia, dotato di speciali tensionatori regolabili
• dotata di una solida sacca in PVC rosso marcato Malossi, con tasca laterale per gli accessori e con cerniera verticale che consente una agevole apertura e chiusura della tenda operando in verticale senza doverla adagiare o capovolgere.

Seleziona l'immagine per ingrandirla.

Novità - tuta da pilota MALOSSI PADDOCK

La Malossi ha scelto la più sportiva delle tute AXO, per rappresentare i propri colori ! Un capo senza compromessi!

Adatta ai motociclisti più esigenti, grazie alla pelle bovina forata ed agli inserti elastici su schiena e fianchi, che assicurano una maggiore libertà di movimento a braccia e spalle.

Questa tuta assicura anche un grande comfort persino nell’uso più estremo.

Foderata internamente in tessuto antibatterico e antisudore staccabile, è anche corredata di morbidi inserti rifrangenti sul collo.

Il suo aspetto racing è evidenziato dalla appendice aerodinamica che ne rivela la marcata inclinazione sportiva, e dagli inserti stretch in KevlarTM su polpacci, interni coscia, zona inguinale e braccia. Naturalmente non potevano mancare le protezioni; realizzate in poliuretano e omologate CE per il massimo della sicurezza e le saponette rimovibili, indispensabili per lunghe ed esaltanti sessioni in pista.

Seleziona l'immagine per ingrandirla.

Direttamente dai campi da gara arriva la nuova valvola MHR TEAM VL16 Malossi!

Questa nuova valvola lamellare per motori Piaggio è stata studiata per ottimizzare i nuovi gruppi termici BIG BORE equipaggiati con impianto di alimentazione Ø 28.

Specifiche Tecniche

• Valvola maggiorata del 42%
• Struttura monopetalo
• Valvola con petali in fibra di carbonio spessore 0.30 mm
• Priva di traversino interno
• Corredata di inserto interno per migliorare la fluidodinamica della lamella

NB: per applicare questa nuova valvola lamellare è necessario sottoporre il carter ad una lavorazione meccanica di asportazione.

Novità - MAXI CLUTCH BELL

Caratteristiche Tecniche

• Campana in acciaio dolce P04, ottenuta per stampaggio a freddo;
• Mozzo centrale in acciaio al carbonio ricavato da barra e riportato mediante saldatura a Tig;
• Lamierino antivibrante stampato e fi ssato mediante 3 punti di saldatura posti a 120° l’uno dalle altre;
• Equilibratura eseguita al 100% su tutta la produzione;
• Trattamento termico di nitrurazione morbida.



Tavola delle applicazioni MAXI CLUTCH BELL

APRILIA ATLANTIC - Arrecife 125 4T LC 7714317 51,60

ATLANTIC 200 4T LC (PIAGGIO M234M) 7714317 51,60

ATLANTIC - Arrecife 250 4T LC (PIAGGIO M237M) 7714317 51,60

ATLANTIC SPRINT - Arrecife 400 4T LC (PIAGGIO M348M) 7713370 54,00

ATLANTIC 500 4T LC 7713370 54,00

ATLANTIC SPRINT - Arrecife 500 4T LC (PIAGGIO M273M) 7713370 54,00

LEONARDO 250 4T LC 7713368 70,80

LEONARDO 300 4T LC 7713369 67,80

MOJITO RY 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

SCARABEO 125 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60

SCARABEO Light 125 4T LC euro 3 (APRILIA BA03) 7714317 51,60

SCARABEO Light 200 4T LC euro 3 (APRILIA CA03) 7714317 51,60

SCARABEO 250 4T LC (PIAGGIO M285M) 7714317 51,60

SCARABEO Light 250 ie 4T LC 2007-> 7714317 51,60

SCARABEO Special 300 ie 4T LC euro 3 7714317 51,60

SCARABEO 400 ie 4T LC 2007-> 7713370 54,00

SCARABEO Light 400 ie 4T LC 2007-> 7713370 54,00

SCARABEO 500 4T LC 7713370 54,00

SCARABEO Light 500 ie 4T LC 2007-> 7713370 54,00

SPORTCITY 125 4T LC (PIAGGIO M281M) 7714317 51,60

SPORTCITY ONE 125 4T (LEADER M38AM) 7714317 51,60

SPORTCITY 200 4T LC euro 3 (PIAGGIO M288M) 7714317 51,60

SPORTCITY 250 ie 4T LC euro 3 (PIAGGIO M288M) 7714317 51,60

SPORTCITY CUBE 300 ie 4T LC euro 3 (LEADER M28LM) 7714317 51,60

BENELLI ADIVA 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

ADIVA 150 4T (LEADER) 7714317 51,60

ADIVA AD 250 4T LC euro 2 7714317 51,60

VELVET 150 4T LC 7713368 70,80

VELVET 250 4T LC 7713368 70,80

VELVET DUSK 400 4T LC 7714329 119,40

BETA EIKON 125 4T LC 7714325 39,60

EIKON 150 4T LC 7714325 39,60

CF MOTO URBAN R 150 4T LC (1P 58 MJ) 7714325 39,60

DERBI BOULEVARD 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

BOULEVARD 150 4T (LEADER) 7714317 51,60

BOULEVARD 200 4T (PIAGGIO M387M) 7714317 51,60

GP1 125 4T LC euro 2-3 7714317 51,60

GP1 250 4T LC euro 2-3 7714317 51,60

RAMBLA 125 4T LC euro 3 (PIAGGIO M287M) 7714317 51,60

RAMBLA 250 4T LC euro 3 7714317 51,60

GILERA DNA 125 4T LC 7714317 51,60

DNA 180 4T LC 7714317 51,60

FUOCO 500 ie 4T LC euro 3 7713370 54,00

NEXUS 125 4T LC euro 3 7714317 51,60

NEXUS 250 ie 4T LC euro 3 7714317 51,60

NEXUS 300 ie 4T LC euro 3 7714317 51,60

NEXUS 500 ie 4T LC euro 2-3 7713370 54,00

RUNNER VX 125 4T LC 7714317 51,60

RUNNER VXR 180 4T LC 7714317 51,60

RUNNER VXR 200 4T LC 7714317 51,60

HONDA @ [NES] 125 4T LC 7714325 39,60

@ [NES] 150 4T LC 7714325 39,60

DYLAN [SES] 125 4T LC 7714325 39,60

DYLAN [SES] 150 4T LC 7714325 39,60

FORESIGHT [FES] 250 4T LC 7714326 75,60

FORZA [NSS] 250 4T LC 2001-> 7714326 75,60

FORZA X [NSS] 250 4T LC 2005-> 7714326 75,60

FORZA X 250 4T LC 2008-> (MF 10 E) 7714326 75,60

JAZZ [NSS] 250 4T LC 2001-> 7714326 75,60

PANTHEON 125 2T LC 7714326 75,60

PANTHEON [FES] 125 ie 4T LC [FES] 7714325 39,60

PANTHEON 150 2T LC 7714326 75,60

PANTHEON [FES] 150 ie 4T LC [FES] 7714325 39,60

PS 125 ie 4T LC euro 3 7714325 39,60

PS 150 ie 4T LC euro 3 7714325 39,60

REFLEX [NSS] 250 4T LC 2001-> 7714326 75,60

SH - SH Scoopy 125 4T LC 7714325 39,60

SH I 125 4T LC euro 3 2009-> (JF14E) 7714325 39,60

SH I 125 ie 4T LC 7714325 39,60

SH - SH Scoopy 150 4T LC 7714325 39,60

SH I 150 4T LC euro 3 2009-> (KF08E) 7714325 39,60

SH I 150 ie 4T LC 7714325 39,60

SH I - SH I Scoopy 300 ie 4T LC (NF02E) 7714326 75,60

S-Wing 125 4T LC euro 3 7714325 39,60

S-Wing 150 4T LC euro 3 (KF06E) 7714325 39,60

ITALJET JET SET 125 4T LC (LEADER) 7714317 51,60

JET SET 150 4T LC (LEADER) 7714317 51,60

JUPITER 150 4T LC 7713368 70,80

JUPITER 250 4T LC 7713368 70,80

MILLENNIUM 150 4T LC 7713368 70,80

TORPEDO 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

TORPEDO 150 4T (LEADER) 7714317 51,60

KEEWAY OUTLOOK 125 4T LC (QJ153MJ-2) 7714325 39,60

OUTLOOK 150 4T LC (QJ158MJ) 7714325 39,60

KYMCO AGILITY 125 4T euro 3 (KN25) 7714325 39,60

AGILITY R16 125 4T euro 3 (KL25B) 7714325 39,60

AGILITY RS 125 4T euro 3 (KN25SR) 7714325 39,60

AGILITY 150 4T euro 3 7714325 39,60

AGILITY R16 150 4T euro 3 (KL30) 7714325 39,60

BET & WIN 250 4T LC 7714321 54,00

GRAND DINK 250 4T LC 7714321 54,00

LIKE 200 ie 4T euro 3 (KA 40) 7714325 39,60

MOVIE 125 4T euro 3 7714325 39,60

PEOPLE - PEOPLE S 125 4T euro 3 7714325 39,60

PEOPLE - PEOPLE S 250 4T LC euro 2 7714321 54,00

PEOPLE 150 4T 7714325 39,60

PEOPLE S 200 4T (BA 40) 7714325 39,60

PEOPLE S 300 ie 4T LC euro 3 (BB60) 7714321 54,00

SUPER 8 125 4T euro 3 (KL25) 7714325 39,60

VIVIO 125 4T 7714325 39,60

VIVIO 150 4T 7714325 39,60

XCITING 250 4T LC euro 2 7714321 54,00

XCITING - XCITING R 300 ie 4T LC euro 3 7714321 54,00

YUP 250 4T LC (SH 50 D) 7714321 54,00

MALAGUTI BLOG 125 ie 4T LC euro 3 (03) 7714325 39,60

BLOG 160 ie 4T LC euro 3 (04) 7714325 39,60

CENTRO 125 ie 4T LC euro 3 7714325 39,60

CENTRO 160 ie 4T LC euro 3 (02) 7714325 39,60

CIAK MASTER 125 4T 7714325 39,60

CIAK MASTER 150 4T 7714325 39,60

CIAK MASTER 200 4T 7714325 39,60

MADISON 125 4T LC (YAMAHA) 7714335 49,20
 
MADISON 3 125 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60


MADISON 150 4T LC (YAMAHA) 7713368 70,80

MADISON 180 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60

MADISON 200 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60

MADISON 250 4T LC (YAMAHA) 7713368 70,80

MADISON 3 250 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60

MADISON RS 250 4T LC (PIAGGIO M237M) 7714317 51,60

MADISON K 400 4T LC 7714329 119,40

PassWord CK 250 4T LC 7713369 67,80

PHANTOM MAX 200 4T LC (PIAGGIO) 7714317 51,60

PHANTOM MAX 250 4T LC (PIAGGIO M361M) 7714317 51,60

SPIDERMAX GT 500 4T LC (PIAGGIO M341M) 7713370 54,00

MBK CITYLINER 125 4T LC euro 3 7713368 70,80

DOODO 125 4T LC 7714335 49,20

DOODO 150 4T LC 7713368 70,80

KILIBRE 300 4T LC (H314E) 7713369 67,80

SKYCRUISER 125 4T LC 7713368 70,80

SKYLINER 125 4T LC 7714335 49,20

SKYLINER 150 4T LC 7713368 70,80

SKYLINER 250 4T LC 7713369 67,80

THUNDER 125 4T LC 7714335 49,20

THUNDER 150 4T LC 7713368 70,80

PEUGEOT GEOPOLIS 400 4T LC euro 3 7713370 54,00

SATELIS 400 4T LC euro 3 7713370 54,00

SATELIS 500 4T LC euro 3 7713370 54,00

SV 250 4T LC 7714326 75,60

PIAGGIO BEVERLY 125 4T LC 7714317 51,60

BEVERLY 200 4T LC 7714317 51,60

BEVERLY 250 4T LC euro 1-2 (M285M) 7714317 51,60

BEVERLY 250 ie 4T LC euro 3 7714317 51,60

BEVERLY S 250 ie 4T LC euro 3 7714317 51,60

BEVERLY 300 ie 4T LC euro 3 (M28MM) 7714317 51,60

BEVERLY 400 ie 4T LC euro 3 (M345M) 7713370 54,00

BEVERLY 500 ie 4T LC euro 2-3 7713370 54,00

BEVERLY CRUISER 500 ie 4T LC euro 3 7713370 54,00

CARNABY 125 4T LC euro 3 (LEADER M28FM) 7714317 51,60

CARNABY 200 4T LC euro 3 (LEADER M601M) 7714317 51,60

CARNABY 300 ie 4T LC euro 3 (QUASAR) 7714317 51,60

FLY 125 4T euro 2-3 (LEADER M422M) 7714317 51,60

FLY 150 4T euro 2-3 (LEADER M422M) 7714317 51,60

LIBERTY - LIBERTY LE 125 4T euro 1-2 (LEADER) 7714317 51,60

LIBERTY S 125 4T euro 3 (LEADER M381M) 7714317 51,60

LIBERTY - LIBERTY LE 150 4T euro 1-2 (LEADER) 7714317 51,60

LIBERTY 150 4T euro 3 (LEADER M672M) 7714317 51,60

LIBERTY - LIBERTY S 200 4T euro 3 (LEADER) 7714317 51,60

MP3 125 4T LC euro 3 (LEADER) 7714317 51,60

MP3 250 ie 4T LC euro 3 (QUASAR M472M) 7714317 51,60

MP3 400 ie 4T LC euro 3 (MASTER M474M) 7713370 54,00

SKIPPER ST 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

SKIPPER ST 150 4T (LEADER) 7714317 51,60

SUPER HEXAGON GTX 125 4T LC 7714317 51,60

SUPER HEXAGON GTX 180 4T LC 7714317 51,60

X7 125 4T LC euro 3 (LEADER) 7714317 51,60

X7 250 ie 4T LC euro 3 (QUASAR M622M) 7714317 51,60

X8 125 4T LC euro 2-3 (LEADER) 7714317 51,60

X8 200 4T LC 7714317 51,60

X8 250 4T LC euro 2 7714317 51,60

X8 250 ie 4T LC euro 3 (QUASAR) 7714317 51,60

X8 400 ie 4T LC euro 3 (M521M) 7713370 54,00

X9 125 4T LC 7714317 51,60

X9 AMALFI 180 4T LC 7714317 51,60

X9 200 4T LC 7714317 51,60

X9 250 4T LC (HONDA) 7714326 75,60

X9 Evolution 250 4T LC (M237M) 7714317 51,60

X9 Evolution - Street 500 4T LC 7713370 54,00

XEvo 125 4T LC euro 3 (LEADER) 7714317 51,60

XEvo 250 ie 4T LC euro 3 (QUASAR) 7714317 51,60

XEvo 400 ie 4T LC euro 3 (M521M) 7713370 54,00

ZIP 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

RENAULT FULLTIME 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

SUZUKI BURGMAN AN [BUSINESS] 400 4T LC 7714329 119,40

BURGMAN AN 400 ie 4T LC (K429) 7714329 119,40

BURGMAN K7 400 ie 4T LC 2006-> 7714332 127,20

BURGMAN K8 400 ie 4T LC 7714332 127,20

BURGMAN K9 400 ie 4T LC 7714332 127,20

SYM HD Evo I 200 ie 4T LC euro 3 (HHA-1) 7714325 39,60

JOYRIDE 150 4T LC 7714325 39,60

JOYRIDE Evo I 200 ie 4T LC (KB2) 7714325 39,60

VESPA ET4 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

ET4 150 4T (LEADER ) 7714317 51,60

Granturismo L - GT - GTV 125 4T LC (LEADER) 7714317 51,60

Granturismo L - GT 200 4T LC (M312M) 7714317 51,60

GTS Super 125 ie 4T LC euro 3 (M455M) 7714317 51,60

GTS - GTV 250 ie 4T LC 7714317 51,60

GTS Super 300 ie 4T LC euro 3 (QUASAR M454M) 7714317 51,60

LX 125 4T (LEADER) 7714317 51,60

LX 150 4T (LEADER) 7714317 51,60

S 125 4T euro 3 (LEADER M444M) 7714317 51,60

S 150 4T euro 3 (LEADER) 7714317 51,60

WT MOTORS ATENE 152 4T LC (1P58MJA) 7714325 39,60

MIAMI 250 4T LC (172MM) 7714326 75,60

YAMAHA CYGNUS X 125 4T 7714335 49,20

CYGNUS X 125 ie 4T euro 3 7714335 49,20

MAJESTY 125 4T LC 7714335 49,20

MAJESTY 150 4T LC 7713368 70,80

MAJESTY 180 4T LC 7713368 70,80

MAJESTY 250 4T LC <-- 1999 7713368 70,80

MAJESTY 250 4T LC 2000-> 7713369 67,80

MAJESTY 400 4T LC (H317E) 7714312 98,40

MAJESTY [34B] 400 4T LC euro 3 2009-> (H322E) 7714312 98,40

MAXSTER 125 4T LC 7714335 49,20

MAXSTER 150 4T LC 7713368 70,80

TEO’S 125 4T LC 7714335 49,20

TEO’S 150 4T LC 7713368 70,80

VERSITY XC 300 4T LC (H314E) 7713369 67,80

X CITY 125 ie 4T LC euro 3 (E3A5E) 7713368 70,80

X CITY 250 4T LC euro 3 (G358E) 7713369 67,80

X MAX 125 4T LC 7713368 70,80

X MAX 250 4T LC 7713369 67,80

X MAX 250 ie 4T LC euro 3 2008 (G362E) 7713369 67,80

X MAX 250 ie 4T LC euro 3 2010 (G389E) 7713369 67,

Novità Made in Italy - MHR WING CLUTCH BELL

Campane Frizione forgiate in lega di acciaio per scooter automatici CVT

Campane frizione integralmente progettate e lavorate negli stabilimenti di Calderara di Reno con soluzioni tecniche esclusive.

Ricavate da forgiati monolitici di acciaio legato, bonificato senza saldatura, le nuove campane vantano un particolare processo costruttivo, studiato nei minimi dettagli, che garantisce un prodotto di altissima qualità.

Elaborati dall’ufficio tecnico e poi trasferiti direttamente sulle macchine utensili, i disegni in 3D vengono trasformati in solido, per essere poi catturati da torni a controllo numerico dell’ultima generazione.

Partendo dal grezzo, in un processo in cui nessuna mano umana interviene direttamente, le campane escono dalle macchine utensili già fi nite, complete di ogni lavorazione, pronte per il trattamento termico e per quello delle superfici che le renderanno resistenti all’usura e alla corrosione.

Specifiche Tecniche

• Campana forgiata senza saldatura in acciaio 39NiCrMo5 bonificato e nitrurato con superfici antiossidanti;
• Corona di rinforzo antiscoppio, alettata per dissipare il calore a salvaguardia del materiale di attrito, collaudata a oltre 20.000 RPM;
• Superfi cie di contatto con fori di scarico dimensionati e disposti in modo da ottenere una rettifica permanente del materiale d’attrito;
• Architettura originale con aperture studiate per creare un effetto di ventilazione dinamica in grado di offrire la possibilità di intervenire all’interno del sistema per variare la taratura della frizione;
• Gradi di finitura elevatissimi con tolleranze strettissime.

Valori delle superficie di lavoro
• Rugosità RA.; • Eccentricità: mm. 0,002; • Rotondità: mm. 0,003; • Bilanciature: gr. 0,005

Seleziona l'immagine per ingrandirla.

Novità - La TUTA MALOSSI per officina... ha un nuovo look

Novità - POWER CAM albero a camme

L’albero a camme è la parte più delicata del motore a 4 Tempi per quanto riguarda la distribuzione. Agli alberi a camme, infatti, è affi dato sia il compito di gestire l’apertura e la chiusura delle valvole di aspirazione
per l’alimentazione in camera di scoppio, sia l’apertura e la chiusura delle valvole di scarico per l’evacuazione
dei gas combusti.

La nuova Power Cam Malossi è stata messa a punto per ottenere un aumento di potenza ottimale e progressivo, qualora abbinata al gruppo termico Malossi.

Malossi ha pensato sia ai veicoli a carburatore che a quelli ad iniezione elettronica: entrambi i modelli, infatti, prima e seconda serie, se equipaggiati con la Power Cam Malossi, possono vantare curve di potenza sensibilmente incrementate.

La Power Cam Malossi è il risultato di una lunga ed accurata progettazione in sala prova. Il processo di
produzione industriale si è attenuto scrupolosamente al capitolato imposto dall’uffi cio tecnico, a partire dalla
scelta dei materiali, per arrivare alle lavorazioni eseguite con macchinari di grandissima precisione e, infi ne, ai
trattamenti termochimici, ai collaudi e al montaggio.
Malossi S.p.A, un’azienda da sempre al servizio dell’alta qualità.

Caratteristiche Tecniche
• In acciaio superlegato, cementato, temprato, nitrurato e rettifi cato con lobi ricalcolati, maggiorati e riprofi lati.
• Profilo e alzata dei lobi maggiorati con diagramma specifi co.
• Superficie di scorrimento delle camme rettifi cata a bassissima rugosità.

Novità - Cilindro diametro 74 - alluminio H2O

Caratteristiche tecniche

Cilindro
• Alesaggio Ø 74 mm; Corsa 60 mm; Cilindrata 269 cc; Rapporto di compressione 12,5:1.
• Materiale: lega primaria di alluminio ad alto tenore di silicio bonifi cato, canna con riporto di carburi di
silicio in una matrice di nichel galvanico e levigatura incrociata con due passaggi di diamanti con tolleranze
ristrettissime.

• Lavorazione: su macchine utensili a controllo numerico ad elevata precisione.
• Accoppiamenti cilindro pistone in selezione di 0,05 mm.
• Superfici di scambio termico ricalcolate emaggiorate.

Pistone

• Super compatto a tre segmenti.
• Materiale: lega speciale primaria di alluminio al silicio a bassa dilatazione termica con riporto di stagno sulle
pareti di scorrimento.
• Lavorazione su macchine a controllo numerico.
• Alleggeriti e rinforzati.
• Superfi ci di scambio termico maggiorate.

Segmenti
• Speciali ad alto scorrimento e ad altissima resistenza meccanica.
• I° segmento compressione in acciaio nitrurato e cromato.
• II° segmento in ghisa speciale.
• Raschia olio in tre pezzi in acciaio speciale legato e cromato.

Novità - 4STROKE V4 HEAD - Capolavoro MALOSSI

Svettano le prestazioni del tuo scooter con un incremento di potenza del 15-25%
La prima testa per tutti gli scooter che montano motorizzazione Piaggio 4t a liquido nelle varie cilindrate
125*cc, 180*cc, 200cc, 250cc, 300cc. Con oltre settanta applicazioni, progettata e realizzata per regalarvi
grandi emozioni, sentirete molto parlare di lei.
 
Caratteristiche Tecniche
• Testa in lega primaria di alluminio fusa per gravità, bonifi cata e sabbiata, lavorata su centri di lavoro super precisi entro tolleranze millesimali.

• Molle di scarico e di aspirazione in acciaio cromo silicio pretemprato e stabilizzate con carico ricalcolato idonee al potenziamento del motore.

• Guide valvola con profi lo ricalcolato, ottenute con processo di sinterizzazione delle polveri (acciaio, fosforo, carbonio, rame e manganese).

• Sedi valvola in lega di acciaio, cobalto, molibdeno e rame con trattamento speciale termochimico.

• Valvole di aspirazione maggiorate a ø 25 in acciaio speciale legato con trattamento termochimico.

• Valvole di scarico maggiorate a ø 22,2 materiale Nimonich 80 (lega di nichel, cromo, titanio e alluminio).


* Questa nuova testa è stata progettata per poter lavorare in combinazione esclusivamente con i cilindri Malossi per le cilindrate 125-180, mentre per le altre cilindrate è adattabile anche al cilindro originale. La testa è fornita già assemblata, pronta per il montaggio.

Spettacolo sulla pista bagnata di Castelletto di Branduzzo

Castelletto di Branduzzo (PV) – Più di metà delle gare si corrono sul bagnato, aumentando lo spettacolo delle 9 prove disputate sul motodromo di Castelletto di Branduzzo dove ai “soliti noti” si aggiungono esordienti e ritorni illustri subito fortissimi.
I podi delle diverse categorie mostrano subito sorprese a cominciare da Nicola Anastasi, che vince la sua prima finale del Trofeo Nazionale Scooter Velocità dominando su Grilli, caduto sul più bello. Nel Superscooter Nazionale Marco Gottardello ritorna alla vittoria mentre Cesare Fusto torna nei Trofei Malossi e all’esordio con gli Zip vince la prova degli Scootermatic Italia. Il Vincitore degli Scootermatic Nord è ancora Giuseppe Pedretti, che allunga in classifica. Successo del fratello minore dei Pellegrino, Simone nel Trofeo GP80, dominando sul bagnato dopo aver lasciato gara 1 al fratello Francesco. Santo Russo vince ancora nella TMax Cup, ma il secondo classificato non è il fratello, è il piemontese Delmastro; il terzo è un esordiente assoluto, Giannazza. Secondo successo di Marco Furini nella Yamaha R125 Cup classe Open, il veneto riesce ad avere la meglio su Galliani, caduto in gara 2 mentre tra i rookie Luca De Rosa precede Albert Pala che rimane leader della classifica. Tra le ragazze Ilena Fackl centra il quarto successo su 4 gare.

Yamaha R125 Cup
Marco Furini del team Martelli Motors parte ancora in seconda fila ma vince anche la seconda prova del Trofeo Yamaha R125 Cup. Il veneto, secondo in gara uno dietro ad Alfredo Galliani vince la seconda finale sul bagnato sul numero 46 che guadagna il secondo gradino del podio. Terzo è Sami Elmessii, sempre più convincente e in lotta per la vittoria durante tutto il weekend. Tra i rookie Luca de Rosa convince sempre di più e grazie all’ottima gara 2 guadagna il gradino alto del podio su Albert Pala, ancora leader del trofeo e secondo di giornata. Terzo è Simone Puglisi, che ha fatto segnare il quarto tempo assoluto in prova. Tra le ragazze vince ancora Ilena Fackl, ancora imbattuta, che allunga sulle avversarie.

Gira subito velocissimo Alfredo Galliani nel primo turno di crono staccando nelle prime fasi un 1’25”241 che gli vale la pole davanti ad Elmessii, terzo è Colucci seguito da Pugliesi. Furini, è settimo mentre Pala, scorso vincitore dei rookie è solo tredicesimo. Il cagliaritano si rifà nelle crono di domenica, dove lima 2 secondi portandosi a ridosso della prima fila, quinto. Confermati i primi 4 posti: Galliani in pole, davanti a Elmessii, che non ha girato, poi Colucci, primo dei rookie e Puglisi.

Furini parte come al solito dall’ottava posizione in gara 1 e nel giro di poche curve si porta in testa, approfittando di una porta aperta al primo tornantino. Galliani partito primo ripassa al comando al terzo giro mentre Elmessii dopo un’ottima partenza deve risalire dal sesto posto. Puglisi primo dei rookie precede Pala, che si gioca il quinto posto con Sironi. I doppiati ricompattano le posizioni, ma alla bandiera a scacchi Galliani vince su Furini ed Elmessii, Puglisi è quarto mentre Pala precede Sottura.
Gara 2 è bagnata e dopo il cambio gomme parte forte Galliani seguito da Furini che si mette in scia al 46. Il leader di gara uno cade sulla linea del traguardo lasciando al veneto il compito di tenere dietro lo scatenato Sami Elmessii, che rimane sempre in scia. Galliani si rialza e con il terzo posto di categoria salvando il secondo gradino del podio. Tra i rookie De Rosa conferma l’ottima giornata tirando la volata a Pala, che vuole confermare l’ottima vittoria di Varano. Il cagliaritano prova in tutti i modi a farsi sotto ma De Rosa non molla e conquista la vittoria di categoria. Puglisi, sempre velocissimo taglia terzo davanti a Luca Savio.

GP80
Simone Pellegrino del team Pellegrino Racing vince gara 2 sul bagnato e si porta a casa la seconda prova del Trofeo GP80 Nord davanti al fratello Francesco che ha vinto la prova sull’asciutto ma è stato più lento sotto l’acqua. Terzo sul podio Valerio Gammino davanti a Volpi, secondo in gara 2 e Villani, caduto nella seconda finale.
Nel primo turno di prove Francesco Pellegrino ci mette solo 5 giri a prendere le distanze dal gruppo: il suo tempo vale subito la pole. Villani è secondo, Simone Pellegrino si fa sotto a un solo centesimo. Chiude la prima fila Gammino. Nel secondo turno i fratelli Pellegrino non entrano in pista, mentre gli altri piloti, comandati da Villani non riescono a migliorare.
Francesco Pellegrino controlla la gara dopo aver perso la prima posizione solo in partenza, e vince con tranquillità mentre dietro di lui non si risparmiano colpi Simone Pellegrino, secondo, Gammino che taglia terzo e Villani. Il bolognese vincitore qui lo scorso anno rimane sempre quarto e a tiro del podio, ma si sveglia solo sul finale staccando il giro veloce senza riuscire a infilarsi tra Gammino e Pellegrino che si sono dati battaglia in tutte le curve.
La seconda finale bagnata rimescola le carte: Francesco Pellegrino si trova male sulla pioggia e rimane nelle retrovie mentre Simone parte subito forte seguito da Volpi. I due scappano dagli inseguitori, dove Gammino passa Pellegrino e gira solitario. Francesco viene attaccato da Villani che negli ultimi due giri tenta tutto il possibile ma a contatto con il suo avversario ha la peggio e deve abbandonare la gara. Vince Simone su Volpi, Gammino è terzo su Francesco Pellegrino.

TMax Cup
Santo Russo del team Minischetti vince anche sul bagnato la seconda gara della TMax Cup allungando sul fratello Marco oggi solo quinto. Secondo ma con quasi un giro al comando Marco Delmastro, che con il “vecchio” TMax riesce a tenere in prova e in gara conquistando punti pesanti. Terzo è l’esordiente Giannazza che mantiene la sua posizione in gara su un ritrovato Giuseppe Russo, forte sul bagnato.
Delmastro parte subito forte ma la sua pole dura pochi giri perché ancora una volta sono i Russo a prendere la testa. Santo è il più veloce in 1’23”2, Marco rimane secondo davanti a Delmastro. Nel secondo turno solo Santo Russo ritocca il suo tempo: la nuova pole è 1’23”176, ma sono confermate tutte le posizioni di sabato, di fianco a lui Marco, Del mastro e Luperini; Giannazza è quinto.
Gara bagnata dove parte sempre forte Santo ma stavolta Delmastro è un osso duro e al secondo giro si porta al comando. Manca nei primi posti Marco, che non riesce a trovare il giusto feeling sul bagnato a causa di un assetto sbagliato e rimane a metà classifica mentre Luperini scivola già al primo giro e abbandona la gara. Santo ci mette tre giri a ritrovare il ritmo e mantiene il comando incrementando su Delmastro, dietro Giannazza difende il suo podio all’esordio su Giuseppe Russo. Vince Santo con 17 secondi su Delmastro e davanti a Giannazza. Giuseppe Russo è quarto e Marco Russo quinto.

Scootermatic
Cesare Fusto del team Borgna sale per la prima volta sullo Zip e vince la seconda prova del Trofeo Scootermatic Italia. Il ligure si trova subito a suo agio e con una vittoria in gara 1 e un secondo posto nella seconda finale dietro a Boccardo festeggia il podio davanti a Gabellini, e Boccardo, che malgrado la vittoria sul bagnato non riesce a salire più in alto a causa di una gara 1 più difficile. Tra i Superscooter vince Omar Spadoni con un secondo e un primo posto davanti a Bressan, autore di due secondi posti e Marco Ferraguti. Seconda giornata no per Nicola Ribul costretto in entrambe le gare la ritiro.
Nella categoria Nord Pedretti ci mette pochi minuti a prendersi la pole position in 1’23”112, Pelloni è dietro di 2 decimi su Tognarelli e Garlato. Tognarelli è il più veloce di domenica ma non migliora i tempi, l’unico a guadagnare una posizione è Tosi su Chiaramonte.
Nella prima finale Nord un diluvio movimenta l’ultimo giro dove Tognarelli riesce a mantenere il vantaggio di 1 decimo su Pedretti, caduto al terzo giro e in pieno recupero proprio sul bagnato mentre Garlato precede Pelloni partito fortissimo ma costretto a una gara in salita per un calo di potenza del suo Zip.
Anche la seconda finale è bagnata e dopo una partenza veloce di Pedretti e Tognarelli è Pelloni a mettersi in testa al termine del primo giro e ad allungare sul gruppo. Pedretti tiene duro ma il suo distacco aumenta oltre i 2 secondi e si deve accontentare del secondo posto. Garlato taglia terzo davanti a Miniero, Tognarelli cade nelle fasi finali e termina sesto.
Nella Scootermatic Italia gara 1 è dominata da Cesare Fusto, che parte subito all’attacco e approfitta di un’indecisione di Boccardo mentre Sartori si dimostra velocissimo e guadagna il secondo posto su Gabellini. Tra i Superscooter Gottardello vince su Bressan e Spadoni mentre Ribul è costretto al ritiro.
Nella seconda finale Scootermatic Italia Sergio Boccardo lascia scatenare l’esordiente Fusto per un giro e poi si porta al comando senza sbagliare nulla, portandosi il ligure in scia per tutta la gara. Gabellini parte male e deve risalire ma recupera posizioni portandosi fino al terzo posto, passando prima Sartori e poi Parodi, ma per pochi secondi non riesce a passare anche Fusto.

Trofeo Nazionale Scooter Velocità
Nicola Anastasi del D&D team sale per la prima volta sul gradino alto del podio dopo aver attaccato tutta la gara e aver approfittato di una scivolata di Grilli, che stava guidando fortissimo in testa. Il siciliano precede Davide Zenari, tornato sabato in sella a uno Zip dopo oltre 2 anni di assenza e Paolo Gabellini, che conquista punti pesanti approfittando della gara difficile di Russo, terminato al quarto posto. Nei Superscooter torna al successo Marco Gottardello del team Minischetti che riesce a contenere il recupero di Niccolò Baldi, finito secondo mentre il terzo gradino del podio è per Stevis Bressan.
Grilli parte fortissimo e in tre giri mette tutti in riga staccando la pole position, lasciando a Santo Russo tutto il turno per cercare di passarlo ma senza successo. Il toscano è secondo, davanti a Zenari e Ansatasi chiude la prima fila. Subito forte Fusto, che apre la seconda fila..

Mendogho si vuole rifare nel secondo turno e parte subito all’attacco, ma alla fine è Anastasi a fare il suo giro record scavalcando Zenari, mentre il romano sfiora di pochi millesimi la prima fila piazzandosi davanti a Fusto, Baldi è ancora il migliore dei SuperScooter.

In gara Russo prende la testa della cosa ma Grilli ci mette meno di un giro per passare al comando. L’umbro sembra impedibile mentre il toscano perde terreno, dietro di lui Mendogho, terzo al primo giro scompare nelle retrovie. Risale bene Anastasi, che si mette in scia a Grilli e comincia a fare pressione, seguito da Zenari. Il siciliano continua a stringere la morsa e alla fine Grilli cade nell’errore scivolando sul traguardo. Si rialza decimo e compromette il podio. Per il siciliano è cavalcata finale segnando pure il giro veloce. Vince davanti a Zenari,

Il prossimo appuntamento in autodromo è il 30 maggio a Binetto, per la terza prova dei Trofei Nazionali e Sud Malossi.

Seconda prova dei Trofei Nazionali e Nord Malossi

Calderara di Reno (BO) – A quasi un mese dalla prima gara tornano in pista a Castelletto di Branduzzo, scooter, moto e maxiscooter che partecipano ai Trofei Malossi 2010. Molte le categorie che correranno su una pista lunga e tortuosa come quella pavese, già teatro dei Trofei Malossi del 2009, un circuito che non solo gli esordienti di quest’anno devono imparare, ma anche i piloti del Trofeo Nazionale Scooter Velocità, soprattutto in quei punti chiave che i più esperti sapranno sfruttare al meglio.

Seconda gara sulle cinque previste, quella di Castelletto rappresenta una tappa molto importante nel campionato, perché può essere una seconda possibilità per chi ha deluso a Varano, ma anche una seconda stoccata se la vittoria in gara 1 viene confermata qui, e può trattarsi in ceti casi di una vera e propria fuga. Le condizioni atmosferiche sono ancora incerte, come nella prima gara, dove però la pioggia è caduta solo lontano dai turni in pista. Dopo il primo scontro la situazione nei Trofei è ovviamente apertissima, ma ha già dato importanti indicazioni.

La battaglia più accesa si giocherà probabilmente nel Trofeo Nazionale Scooter Velocità, al suo primo appuntamento sulla pista di Castelletto, dove l’attuale leader del Campionato si trova perfettamente a suo agio: Santo Russo l’anno scorso ha vinto all’ultima curva nella Scootermatic Nazionale, e potrebbe incrementare il suo vantaggio sull’avversario stagionale più accreditato: Max Mendogho, in difficoltà a Varano e su Omar Bortolato, che lo scorso anno correva con un Aprilia SR, tutto diverso nelle impostazioni rispetto allo Zip. Ma il più in forma a inizio 2010 è Paolo Gabellini, secondo in classifica e sempre forte sia in pista lunga che in kartodromo, per questo sembra uno dei più accreditati a Castelletto per puntare alla vittoria. Conferma il suo ottimo stato di forma Gianluca Grilli: la vittoria nella Malossi Day Cup ad Adria nel 2009 l’ha definitivamente sbloccato: ora è maturo anche per il titolo Nazionale.

Santo Russo potrebbe dire la sua anche nella TMax Cup Malossi, altro Trofeo in cui è leader. Il fratello Marco, campione in carica, cercherà di bissare il successo dello scorso anno proprio qui a Castelletto dove vinse dopo la penalità inflitta a Cesare Fusto, primo al traguardo ma partito prima dello start. I due fratelli hanno fatto il vuoto a varano, ma questa pista è moto diversa dal circuito parmense potrebbe ricompattare il gruppo, come sperano gli inseguitori Del Mastro e Luperini.

Seconda gara anche per il Trofeo Yamaha R125 Cup che ha già corso su questo tracciato nel 2009: alcuni piloti che hanno confermato la loro partecipazione come la maggior parte degli Open sanno già dove tentare il sorpasso, ossia dopo il lungo rettilineo prima del tratto misto che precede il traguardo. Dovrà guardarsi le spalle l’attuale leader del Trofeo Rookie, Albert Pala, che ha vinto a Varano giungendo primo assoluto, ma tanti piloti vogliono rifarsi di qualche delusione di troppo nella prima gara come Marco Furini, velocissimo e vincitore della categoria Open ma toccato da un doppiato in gara 1: Michael Sottura, che ha visto da vicino la vittoria ma è stato coinvolto in un contatto all’ultima curva prima della bandiera a scacchi o Sami Elmessii, migliorato tantissimo dalla scorsa stagione ma costretto al ritiro a Varano per un problema al radiatore. Tra le ragazze lo scorso anno Rebecca Bianchi aveva dimostrato di tenere tranquillamente il passo dei migliori, quest’anno il testimone sembra passato a Ilena Fackl, vincitrice a Varano, ma le sue avversarie sono ben 4 quest’anno.

Il Trofeo GP80 Nord Malossi 2010 è stato dominato nella prima gara dai piloti che nel 2009 correvano nel sud: Francesco Pellegrino, Valerio Gammino e Simone Pellegrino. Chi ha visto la gara del 2009, però, si ricorderà dello splendido exploit di Francesco Villani, che ha conquistato il gradino alto del podio strapazzando il vincitore del Trofeo 2009 Luca Ottaviani. Villani, che lo scorso anno si divideva tra Trofeo GP80 e Yamaha R125 Cup ha dimostrato di poter essere il più forte, che metta in riga anche i piloti che vengono dal Trofeo Sud e che non conoscono questa pista?

Trofei Superscooter e Scootermatic Malossi schierano un numero di piloti sempre crescente in tutte le categorie.

Come già detto per il Trofeo Nazionale Scooter Velocità il più forte negli Scootermatic è Paolo Gabellini che a Varano è sempre stato tra i più veloci vincendo la classifica di categoria. In gran forma anche Sergio Boccardo, da quando ha parcheggiato il suo Nexus e si è potuto concentrare sullo Zip ha dimostrato che l’età anagrafica non pesa per niente sul rendimento in pista, quando ci sono classe e astuzia per rimanere avanti. Ottimo esordio a Varano per Daniele Scattolini, che deve confermarsi a Castelletto dove lo scorso anno ha iniziato la sua ascesa al titolo Scooteramtic Nord, ma la lista dei pretendenti al titolo si allunga, ne riparliamo dopo le due finali di domenica.

Situazione molto aperta anche per la categoria Nord, dove Pedretti, Pelloni e Miniero hanno dato spettacolo in entrambe le gare, mentre Fordiani vuole sicuramente rifarsi, protagonista anche lui nella gara di Castelletto nel 2009.

Sempre più agguerriti i Superscooter Italia Marco Gottardello ha ritrovato il passo delle giornate migliori, ma è tallonato da un altro piemontese: Marco Franco, leader del Trofeo Nord lo scorso anno. Tra di loro anche i cugini Ferraguti sono pronti a salire sul gradino alto del podio.

La seconda prova dei Trofei Nazionali e Nord Malossi si disputerà l’8 e 9 maggio sul Motodromo, di Castelletto di Branduzzo (PV) (tel+39 0383 855008/855082), l’ingresso al pubblico è gratuito.

NOVITA' - RS 24/10 - ammortizzatori posteriori

Dalla collaborazione dei tecnici Malossi con Paioli è nata una sospensione posteriore veramente superlativa, compatta e super leggera, realizzata interamente in ergal, ad esclusione dello stelo e della molla.
Una vera sospensione oleopneumatica ad assetto variabile, con regolazione dell’idraulica in estensione e compressione, compensata da una camera di azoto pressurizzato.

Il progetto è stato studiato a lungo dai tecnici delle due aziende che, abituati ormai da anni al lavoro di squadra, hanno unito le loro esperienze per creare una sospensione innovativa.

La versatilità di questa sospensione si è rivelata sorprendente grazie ai 3 sistemi di regolazione inediti, che ne esaltano l’impiego su strada e in pista:
1) regolazione del sistema idraulico in estensione per assorbire tutte le asperità del terreno;
2) precarico molla per adattare il veicolo in assetto di marcia;
3) sistema di variazione dell’assetto per il comportamento in curva.

Questi ammortizzatori speciali hanno caratteristiche tecniche che rappresentano la massima espressione tecnologica oggi reperibile sul mercato:

Caratteristiche tecniche
• Sospensione oleopneumatica con camere di azoto pressurizzato;
• Serbatoio di compensazione separato che permette un aumento delle quantità dei fl uidi interni.
• Regolazione idraulica in estensione e compressione.
• Regolazione idraulica in estensione e compressione mediante ghiera.
• Regolazione interasse.
• Regolazione assetto del veicolo.
• Corsa : art.4614223: 70 mm – art.4614245: 40 mm.
• Interasse: art.4614223: 330 mm – art.4614245: 270 mm.
• Attacco registrabile forgiato in ergal 55 con ossidazione anodica.
• Attacco ricavato di lavorazione in ergal 55 con ossidazione anodica.

NOTA: l’art. 4614223 è corredato di tutta la bulloneria necessaria per l’applicazione sia su motori Minarelli sia su motori Piaggio.