Olio motore: alcuni quesiti

L’olio protegge il motore
L’olio è indispensabile per lubrificare le parti metalliche del motore, riduce l’attrito e l’usura che si verificano quando due superfici si muovono a contatto l’una con l’altra, tiene pulito il motore, contribuisce al raffreddamento e impedisce la corrosione.

Perché gli oli sono diversi?
Gli oli motore sono costituiti da una miscela di: diversi oli base, elevatori dell’indice di viscosità, vari additivi chimici, ciascuno dei quali, con le sue proprietà specifiche, contribuisce a definire il prodotto finito. Ogni tipo di olio è progettato per svolgere una funzione specifica.

Che cosa sono gli additivi?
Gli additivi che incidono sul livello delle prestazioni, come additivi antiusura, additivi disperdenti, antiossidanti, antischiuma, antiruggine e detergenti, possono costituire tra il 15 e il 30 per cento degli oli motore 4T. Combattono gli effetti di combustione, carico meccanico, usura, ossidazione, contaminazione, variazione di temperatura e inquinamento.

Cos’è la viscosità dell’olio?
La viscosità dell’olio si riferisce alla capacità dell’olio di scorrere e quindi di essere fluido a diverse temperature. Per i motori a 4 tempi, la viscosità è classificata secondo una gradazione che è sempre indicata sull’etichetta: per esempio SAE 10W-50 o SAE 20W-50. ATTENZIONE: è basata sulla misura della viscosità, ma non è misura della viscosità.
Il numero che precede la W si riferisce alla viscosità dell’olio a basse temperature. Il secondo numero si riferisce alla viscosità dell’olio a 100°C. In ogni caso, quanto più il numero è basso, tanto minore sarà la viscosità dell’olio in quelle determinate condizioni di temperatura.

Che differenza c’è tra gli oli sintetici e gli oli minerali?
Gli oli sintetici sono il risultato di processi di sintesi chimica e forniscono eccellenti risultati di lubrificazione sia alle alte che alle basse temperature. Tra i vantaggi offerti dai prodotti sintetici rientrano una maggiore protezione del motore alle alte temperature, un eccellente controllo del consumo di olio e un più facile avviamento a freddo.
Molti tipi di olio sono una miscela di oli minerali e oli sintetici; sono definiti oli semisintetici o a base sintetica.
L’olio minerale è basato sul petrolio greggio raffinato. Rappresenta l’olio ”tradizionale” ed è caratterizzato da alcuni limiti, in particolare alle basse temperature, dove può determinare un avviamento lento e una lubrificazione più scarsa rispetto a un olio sintetico o semisintetico.


Cosa indicano le specifiche?
Le specifiche qualitative sono riportate sull’etichetta della confezione. Dovrebbero corrispondere alle specifiche del manuale della motocicletta:

■ API: Gli standard forniti dall’American Petroleum Institute.

■ API SG, SH o SJ: Uno standard applicato fra i costruttori di motori, che classifica la qualità dell’olio per motori a 4 tempi a benzina.

■ API TC: Uno standard applicato fra i costruttori di motori, che classifica la qualità dell’olio per motori a 2 tempi.

■ SAE: Gradazione di viscosità fornito dalla Society of Automotive Engineers, USA.

■ JASO MA/MB: Specifiche giapponesi dell’olio per motori a 4 tempi.

■ JASO FA, FB, FC, FD: Specifiche giapponesi dell’olio per motori a 2 tempi.

■ ISO-L-EGB/EGC/EGD: Specifiche internazionali dell’olio per motori a 2 tempi.


IMPORTANTE: Questi standard rappresentano i requisiti minimi del settore. I prodotti Castrol sono oggetto di un’attività di ricerca e sviluppo tesa a garantire il superamento di questi requisiti minimi e a fornire ai propri clienti prestazioni ineguagliate. Un esempio ne è la tecnologia esclusiva di Castrol: la Castrol Trizone TechnologyTM.

Nessun commento:

Posta un commento