Consigli sulla guida: viaggiare in due

Il Codice della Strada non stabilisce un'età minima per il trasporto dei bambini in moto, ma pone come condizione il fatto che il passeggero arrivi con i piedi alle pedane. Tuttavia, è sconsigliabile portare in moto bambini di età inferiore ai dodici anni, in quanto è abbastanza difficile trovare un casco della misura giusta e indumenti con le apposite protezioni.

Il side-car non prevede limiti di età, ma i passeggeri devono indossare il casco. Un po' diverso è il caso dei ciclomotori: il passeggero deve avere almeno 14 anni, come il guidatore.

Gli accessori
Primo aspetto fondamentale: il passeggero è sottoposto agli stessi rischi del pilota, pertanto deve essere attrezzato in maniera analoga. Pur avendo un ruolo passivo, non deve trascurare la propria sicurezza e non può accontentarsi di un casco economico o di accessori "da spiaggia".

Per il comfort e la sicurezza, ma anche per sentirsi a suo agio in moto, il passeggero deve indossare indumenti e accessori della stessa qualità del pilota.

La posizione del passeggero
In teoria, il passeggero deve stare "incollato" al pilota, ma non troppo, visto che la moto si guida con lievi movimenti di tutto il corpo e attaccarsi al pilota a mo' di «zaino» compromette la facilità di guida.

Analogamente, per evitare che il pilota subisca eccessive turbolenze aerodinamiche, il passeggero dovrà spostare leggermente la testa di lato e non restare proprio dietro al casco del pilota, posizione che peraltro gli ostruirebbe la visuale impedendogli di godersi il paesaggio.

Prendersi cura del passeggero
Ovviamente, quando si è in due sulla moto, si adotterà una guida più tranquilla. Innanzitutto perché la tenuta, la frenata e le reazioni delle sospensioni non sono le stesse di quando si è da soli e poi perché una guida troppo aggressiva e a scatti, potrebbe negare al passeggero i piaceri della moto.

Infine, verificate che l'assicurazione preveda espressamente la presenza di un passeggero.

Nessun commento:

Posta un commento