Come si montanto e si smontano i cuscinetti

Montaggio - Cuscinetti con foro cilindrico
Con i cuscinetti non scomponibili, l'anello che deve avere un accoppiamento con interferenza va generalmente montato per primo . La superficie della sede deve essere leggermente oliata prima del montaggio.

Montaggio a freddo
Se l'accoppiamento non è troppo forzato, i piccoli cuscinetti possono essere spinti in posizione applicando leggeri colpi di martello su una bussola disposta contro la facciata del cuscinetto. I colpi devono essere distribuiti uniformemente lungo la circonferenza dell'anello per evitare che questo si metta fuori quadro. L'impiego di un attrezzo a bicchiere in luogo della bussola permette di applicare lo sforzo in modo centrato.

Se si deve montare con interferenza contemporaneamente sull'albero e nel foro di alloggiamento un cuscinetto non scomponibile, bisogna applicare lo sforzo di montaggio in modo eguale su entrambi gli anelli e le superfici di spinta dell'attrezzo di montaggio devono essere complanari. In questo caso si deve usare un attrezzo di montaggio per cuscinetti, che prevede l'impiego di un anello di percussione, da appoggiare contro l'anello interno e quello esterno, e di un cannotto che consente di applicare centralmente lo sforzo di montaggio.






Con i cuscinetti orientabili, l'interposizione di un anello di montaggio impedisce che l'anello esterno si metta di traverso quando il cuscinetto viene introdotto nel foro di alloggiamento insieme all'albero.
Occorre ricordare che le sfere di alcuni tipi di cuscinetti orientabili a sfere sporgono dalle facciate e quindi l'anello di montaggio interposto deve presentare uno scarico per non danneggiare le sfere. Moltissimi cuscinetti si montano generalmente con una pressa meccanica o idraulica.



Quando i cuscinetti sono scomponibili, l'anello interno si può montare indipendentemente da quello esterno, il che semplifica le operazioni, specialmente quando entrambi gli anelli devono essere montati con interferenza. Quando s'installa l'albero, con l'anello interno già in posizione, nell'alloggiamento che contiene già l'anello esterno, bisogna accertarsi che i vari componenti siano ben allineati per non rigare le piste e i corpi volventi. Quando si montano i cuscinetti a rulli cilindrici e a rullini aventi l'anello interno privo di orletti o con un solo orletto ad un lato, la SKF consiglia di usare una bussola di montaggio.

Il diametro esterno della bussola deve essere uguale al diametro F della pista dell'anello interno e deve essere lavorato con una tolleranza d10. I gusci a rullini si montano meglio con un tampone, ved. le istruzioni di montaggio nella sezione "Gusci a rullini".

Montaggio a caldo
Di solito non è possibile montare a freddo i cuscinetti grandi, dato che lo sforzo necessario aumenta considerevolmente con l'aumentare delle dimensioni del cuscinetto. I cuscinetti, gli anelli interni o i sopporti (ad es. i mozzi ) devono quindi essere preventivamente riscaldati.

La differenza di temperatura necessaria fra l'anello interno e l'albero o l'alloggiamento dipende dal grado di interferenza e dal diametro della sede del cuscinetto. I cuscinetti non devono essere riscaldati oltre 125 °C, altrimenti possono verificarsi variazioni dimensionali causate dalle alterazioni nella struttura del materiale dei cuscinetti stessi. I cuscinetti muniti di protezioni incorporate non vanno scaldati oltre 80 °C per non danneggiare il grasso e il materiale delle protezioni stesse.

Nel riscaldare i cuscinetti si devono evitare riscaldamenti localizzati. Per riscaldare i cuscinetti in modo uniforme, si consigliano i riscaldatori elettrici a induzione SKF.

Se si impiegano le piastre riscaldanti, bisogna capovolgere i cuscinetti diverse volte. Le piastre riscaldanti non devono essere usate per riscaldare i cuscinetti con protezioni incorporate.



Registrazione dei cuscinetti

Diversamente dagli altri cuscinetti con foro cilindrico, il gioco interno di quelli obliqui a una corona di sfere e dei cuscinetti a rulli conici si può stabilire solo registrandone uno contro un secondo. Di solito tali cuscinetti sono disposti in coppia ad "O" o ad "X" e si fa muovere assialmente l'anello di uno dei due cuscinetti fino a che non si ottiene un dato gioco o precarico. La scelta del gioco o del precarico dipende dalle esigenze imposte dalle prestazioni del sistema e dalle condizioni di lavoro. Ulteriori informazioni riguardanti il precarico dei cuscinetti sono riportate nella sezione "Precarico dei cuscinetti" di modo che tutti i suggerimenti che seguono si riferiscono solo alla registrazione del gioco interno di sistemi muniti di cuscinetti obliqui a sfere e a rulli conici.

Il valore appropriato del gioco che si vuole ottenere al montaggio è determinato dalle condizioni di carico e dalla temperatura di lavoro. A seconda delle dimensioni e della disposizione dei cuscinetti, dal materiale con cui l'albero e l'alloggiamento sono stati costruiti e della distanza fra i due cuscinetti, il gioco iniziale che si ottiene al montaggio può essere inferiore a quello che si avrà in funzionamento. Se, per esempio, si prevede che una differente dilatazione termica degli anelli interni e di quelli esterni provochi una riduzione di gioco in funzionamento, il gioco iniziale deve essere sufficientemente grande per evitare una distorsione dei cuscinetti, con conseguenze negative.

Dato che esiste una ben definita relazione fra il gioco interno radiale e quello assiale dei cuscinetti obliqui a sfere e di quelli a rulli conici, è sufficiente specificare un solo valore, generalmente quello del gioco assiale. Questo specifico valore si ottiene, partendo da una condizione di gioco zero, allentando o serrando una ghiera dell'albero o un anello filettato del foro dell'alloggiamento oppure inserendo rondelle o spessori calibrati fra uno degli anelli e il rispettivo spalleggiamento. Il metodo da utilizzare in pratica per registrare e misurare il gioco prestabilito dipende dalla quantità di cuscinetti da montare.

Un metodo è quello di verificare il gioco assiale, per esempio di un mozzo ruote, utilizzando un comparatore fissato al mozzo.

Mentre si registrano i cuscinetti a rulli conici e se ne misura il gioco è importante che l'albero, o l'alloggiamento, venga fatto ruotare per parecchi giri in entrambi i sensi per essere certi che esista un contatto appropriato delle testate dei rulli con l'orletto di guida degli anelli interni. Se il contatto non è corretto, la misurazione e la registrazione risultano imprecise.
Fare click sull'immagine per vedere l'animazione

Nessun commento:

Posta un commento